Estate, tempo di festival

recensioni e commenti di spettacoli visti dal vivo

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

Estate, tempo di festival

Messaggioda DottorMalatesta » ven 16 giu 2017, 17:15

Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda reysfilip » sab 17 giu 2017, 10:28

Qualcuno va a vedere qualcosa?
Io ho i biglietti per Salisburgo (Ariodante e Clemenza : WohoW : )
Avatar utente
reysfilip
 
Messaggi: 450
Iscritto il: sab 09 feb 2013, 11:49
Località: Firenze/Pisa

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda VGobbi » sab 17 giu 2017, 11:22

reysfilip ha scritto:Qualcuno va a vedere qualcosa?
Io ho i biglietti per Salisburgo (Ariodante e Clemenza : WohoW : )

Che operacce però dai ... : Chessygrin :
Nemmeno noi siamo d'accordo con il gobbo, ma il gobbo è essenziale! Guai se non ci fosse!
Avatar utente
VGobbi
 
Messaggi: 2455
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 20:49
Località: Verano Brianza

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda DottorMalatesta » sab 17 giu 2017, 12:45

VGobbi ha scritto:
reysfilip ha scritto:Qualcuno va a vedere qualcosa?
Io ho i biglietti per Salisburgo (Ariodante e Clemenza : WohoW : )

Che operacce però dai ... : Chessygrin :


Tutt'altro. : CoolGun :

Io sarò a Bayreuth (con Pietro) per i Meistersinger (mi aspetto grandi cose dalla regia). Prima a Monaco per una "doppietta" Warlikowski (Die Gezeichneten e Frau ohne Schatten) e poi a Salisburgo (Incoronazione di Poppea e Clemenza di Tito). Se riesco vorrei vedermi l'Aida della Fura a Verona. Mi piacerebbe anche tanto il Siège a Pesaro ma non so se riesco ad andare.

Spero che diano i Meistersinger da Bayreuth anche su TV satellitare. Lo stesso dovrebbe essere per qualche opera da Salisburgo.
Da Monaco invece Die Gezeichtenen, Tannhauser e Oberon in streaming:

https://www.staatsoper.de/en/staatsoper ... no_cache=1

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda VGobbi » sab 17 giu 2017, 17:00

Scusami Francesco! Cosa intendi il fatto che speri che i Maestri possano essere trasmessi sul satellitare? Che c'è la remota possibilità di vederla in TV???
Nemmeno noi siamo d'accordo con il gobbo, ma il gobbo è essenziale! Guai se non ci fosse!
Avatar utente
VGobbi
 
Messaggi: 2455
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 20:49
Località: Verano Brianza

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda DottorMalatesta » sab 17 giu 2017, 17:39

VGobbi ha scritto:Scusami Francesco! Cosa intendi il fatto che speri che i Maestri possano essere trasmessi sul satellitare? Che c'è la remota possibilità di vederla in TV???



Finora le hanno trasmesse su 3sat.

Anche quest'anno il 28 luglio alle 20.15:

http://tvheute.at/3sat-programm/sendung ... 1925344130

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda VGobbi » sab 17 giu 2017, 18:36

Grazie infinite.
Nemmeno noi siamo d'accordo con il gobbo, ma il gobbo è essenziale! Guai se non ci fosse!
Avatar utente
VGobbi
 
Messaggi: 2455
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 20:49
Località: Verano Brianza

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda reysfilip » lun 21 ago 2017, 23:00

Vi riporto qui qualche impressione di 3 spettacoli visti a Salisburgo nei giorni scorsi.

VENERDI: ARIODANTE

Dite quello che volete, ma questa produzione pensata per lo scorso Festival di Pentecoste è un capolavoro. Inevitabile che tutto giri intorno a lei, la Bartoli, che affronta per la prima volta il ruolo di Ariodante. E lo affronta come lo affronterebbe lei: coloratura spericolata e snocciolata nitidamente nelle arie incalzanti, suoni eterei, schiariti, colorati all'ennesima potenza là dove il ritmo si fa largo. Ed ecco uno "Scherza, infida" che gareggia in sfumature con quello sensazionale inciso dalla Von Otter con Minkowski. Solo che qui siamo in teatro, e la Bartoli è supportata dal giovane Gianluca Capuano, il quale, dopo aver diretto benissimo Idomeneo a Pistoia lo scorso maggio, qui sbalordisce per come affronta una partitura piena di contrasti rendendo scatenati gli archi nell'accompagnamento di "Mi palpita il cor", e allo stesso tempo riesce ad alleggerire la trama orchestrale fin quasi al soffio nel già citato "Scherza infida".
Detto ciò il cast di contorno è di livello altissimo. Kathryn Lewek fa una Ginevra completa sia vocalmente che scenicamente, oltre a essere bellissima. Sandrine Piau è una Dalinda ormai rodata ma perfettamente funzionante. Christophe Dumaux è un Polinesso sensazionale con una linea veramente invidiabile. Villazon non è abituato a questo repertorio, e si sente qualche difficoltà in alcuni passaggi, ma alla fine tiene la linea con notevole maestria e realizza un Lurcanio scenicamente pazzesco, tormentato nell'animo come poche volte si vede.
Loy realizza uno degli spettacoli più interessanti della sua carriera. Una sorta di viaggio nell'ambiguità sessuale dei ruoli en-travesti, per cui Ariodante inizia come uomo perfetto, ma dal finto tradimento, i dubbi lo trasformano nella sua controparte femminile. Il tutto è corredato da un qualche riferimento all'Orlando della Woolf, in un teatrino dal doppio livello: borghesotto e moderno da un lato, settecentesco e parruccoso dall'altro. Da qui la coppia principale finirà per uscire accettando ognuno la sua controparte femminile o maschile. Per quanto il concept possa risultare un pasticciamento misto di Carsen e Guth, lo spettacolo tiene e le 4 ore filano in modo eccelso. Grande rilievo è dato ovviamente alle scene di Ariodante con due momenti incredibili: Ariodante che durante lo "Scherza infida" abbraccia il vestito di Ginevra e in cui sarà costretto a mettersi, e il "Dopo notto atra e funesta" in cui il protagonista chiede di accendere un sigaro e incita i servi con la coloratura usata in modi espressivi e quasi comici.
Inutile dire che alla fine viene giù il teatro.

SABATO: La CLEMENZA DI TITO
Sabato pomeriggio. Piove. Entriamo alla Felsenreitschule, uno dei luoghi più incredibili dove abbia mai visto un'opera. Ancora non sapevo che il giorno dopo ci sarei rientrato.
Lo spettacolo di Sellars-Currentzis (inscindibili secondo me in questa creazione) è bellissimo. Un inno corale e laico, o comunque over-religioso, alla compassione umana come raramente se ne sono visti. Tuttavia non sempre le aggiunte famose funzionano e qualche volta l'attenzione cede. Si passa da momenti di una bellezza straordinaria, ad altri di cui non si capisce il senso. In tutto ciò fa da padrone, la massa, la collettività del fantastico coro in cui i singoli non si annichiliscono, ma trovano la forza di reagire e affrontare le complesse situazioni che si sono create. E tutto viene stemperato in questo amore per l'uomo che porta Tito addirittura a staccare le macchine che lo tengono in vita pur di non affrontare nuovamente i tormenti pubblici e privati che finiscono per assillare un regnante.
Curioso il confronto con la Clemenza che Guth ha realizzato contemporanemente a Glyndebourne vedendoci un continuo tentativo di riconciliazione tra i due amici, in una netta distinzione tra parte pubblica-artificiale e mondo (naturale) degli affetti sinceri, quasi preclusi a Tito e a cui egli stesso anela. Guth separa i mondi, Sellars li unisce.
La direzione di Currentzis è estrema, e a mio avviso quasi paradigmatica: laceratissima, contrastatissima, virtuosistica. Chi dice che non ha senso del teatro dovrebbe vedere l'intesa che c'è nell'aria di Sesto "Parto, ma tu ben mio" tra direttore, clarinettista e mezzo-soprano: uno dei più alti momenti di teatro in musica che io abbia mai visto, complice anche una Crebassa straordinaria, che ha primeggiato sul resto del cast, non sempre all'altezza della situazione purtroppo.

DOMENICA: LEAR
Gran finale e botta di fortuna, entriamo anche alla prima del Lear. Il cast è una roba epocale sulla carta e 3 debutti mi azzarderei a definirli già storici. Il primo è Finley nella parte principale, creata per Fischer-Dieskau; un'aderenza scenica e vocale mai vista, domina la scena con semplicità e carisma allo stesso tempo, disegnando un gigante che finisce per annichilirsi nella follia. La seconda è la Goneril di Evelyn Herlitzius, perfettamente a suo agio in questa parte creata dalla Dernesch, vocalmente saldissima, scenicamente ottima come era intuibile. Incredibile anche Charles Workman che si butta nella parte arduissima di Edmund con una facilità e una tenuta invidiabili. Nel resto del cast si distinguono il Gloster di Lauri Vasar, il Kent di Matthias Klink, e l'Albany di Derek Welton. Molto brava anche la Prohaska come Cordelia anche se messa un po' alla frusta in alto, mentre Gun-Brit Barkmin si porta a casa il ruolo di Regan, ma rimane un notevole esempio di miscast, essendo quella parte scritta per una ex-Konstanze. Per questo motivo la Barkmin viene un po' cannibalizzata dalla Herlitzius pur dimostrando una tenuta vocale a dir poco invidiabile.
Welser-Moest dirige in modo ingessato la partitura monstre: gli manca il nerbo, il senso teatrale e di frustata che questo repertorio vorrebbe. L'effetto è spesso quello di una pappa informe.
Bellissimo ed efficacissimo invece lo spettacolo di Simon Stone, al suo debutto nella regia d'opera. Scenicamente impeccabile, tutto fila su questa piattaforma, prima fiorita e poi asettica, in una sequela di immagini di ascendenza estetica quasi BarrieKoskiana. E le immagini sono fortissime, di sicuro impatto, tanto che rimani incollato alla sedia in attesa del prossimo colpo di scena. Bellissimo il vagare di Lear nella brughiera sotto una vera pioggia battente, sconcertante e tremendamente reale l'inizio della seconda parte in quella che diventa una vera e propria macelleria umana di offese fisiche e sanguigne. Peccato che perda un po' di enfasi nel massacro finale, ma alla fine si lascia il teatro con un effetto di pugno nello stomaco.

In sostanza, a Salisburgo il cambio di rotta si sta rivelando propizio ed è la dimostrazione che osare spesso paga.
Avatar utente
reysfilip
 
Messaggi: 450
Iscritto il: sab 09 feb 2013, 11:49
Località: Firenze/Pisa

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda DottorMalatesta » mar 22 ago 2017, 9:02

Grazie della testimonianza! : Thumbup :
- Sai se faranno un DVD dell´ Ariodante?
- Sono felice di sapere che anche a te è piaciuta la direzione di Currentzis. Concordo nel dire che l´aria con clarinetto obbligato al primo atto è stato un momento di grande intensità e forza teatrale. Per inciso, ho visto il video dello spettacolo e devo dire che dal vivo era tutt´altra cosa.
- Riguardo il Lear anch´io ho sentito dire che la direzione di WM è stata abbastanza anemica...

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda DottorMalatesta » mar 22 ago 2017, 9:12

Qualcuno è stato al ROF o ha ascoltato qualcosa per radio?

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda reysfilip » mar 22 ago 2017, 9:35

DottorMalatesta ha scritto:- Sai se faranno un DVD dell´ Ariodante?


Nein! Ormai la Cecy si vede solo dal vivo :(
Purtroppo di questo festival rimarrà testimonianza solo di Clemenza, Aida e Wozzeck.

- Sono felice di sapere che anche a te è piaciuta la direzione di Currentzis. Concordo nel dire che l´aria con clarinetto obbligato al primo atto è stato un momento di grande intensità e forza teatrale. Per inciso, ho visto il video dello spettacolo e devo dire che dal vivo era tutt´altra cosa.


Quotissimo. Tensione teatrale che si tagliava a fette. I silenzi erano carichissimi.

- Riguardo il Lear anch´io ho sentito dire che la direzione di WM è stata abbastanza anemica...


Come ho scritto, serviva più nerbo e tensione, soprattutto se dirigi una roba del genere. Menomale che il resto era ad altissimissimi livelli.
Avatar utente
reysfilip
 
Messaggi: 450
Iscritto il: sab 09 feb 2013, 11:49
Località: Firenze/Pisa

Re: Estate, tempo di festival

Messaggioda DottorMalatesta » mar 22 ago 2017, 10:41

reysfilip ha scritto:
- Sono felice di sapere che anche a te è piaciuta la direzione di Currentzis. Concordo nel dire che l´aria con clarinetto obbligato al primo atto è stato un momento di grande intensità e forza teatrale. Per inciso, ho visto il video dello spettacolo e devo dire che dal vivo era tutt´altra cosa.


Quotissimo. Tensione teatrale che si tagliava a fette. I silenzi erano carichissimi.



E alla mia recita il compassatissimo pubblico salisburghese è esploso in un applauso ben prima dell´accordo finale.

P.S.: Si sa perché la Cecy non si vuol far riprendere? :?:

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48


Torna a visto a teatro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite

cron