Mahler

sinfonia, cameristica e altri generi di musica non teatrale.

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

Re: Mahler

Messaggioda gustav » dom 27 lug 2008, 11:36

Buolez che suona la terza di Mahler con la new york philarmonic orchestra...Sono immagini quasi "rubate" da una pova...


http://it.youtube.com/watch?v=NC8_TegjyxY
«Fortunato l’uom che prende / ogni cosa pel buon verso, / e tra i casi e le vicende / da ragion guidar si fa»
Avatar utente
gustav
 
Messaggi: 219
Iscritto il: sab 12 gen 2008, 16:37

Re: Mahler

Messaggioda pbagnoli » mar 09 nov 2010, 23:10

Allora, torniamo a Mahler.
In attesa di comprarmi un'altra integrale (il nostro amico teo.emme mi ha ribadito Bernstein e l'a me sinora sconosciuto Svetlanov), mi sto riascoltando quella di Abbado, l'unica che sinora ho, alternandone l'ascolto con quelli di Bach che occupano l'altra metà del mio tempo dedicato alla musica.
Adesso sto alcoltando la Prima, il famoso Titan.
Di Bernstein abbiamo già detto l'imprescindibilità, anche se non abbiamo specificato se l'edizione DGG o la precedente Sony.
E poi?
Io pensavo Rattle, ma teo sembrerebbe escluderla per poca simpatia verso sir Simon, direttore che io invece amo alla follia.
Kubelik?
Inbal?
Altri?...
Che dite?
"Dopo morto, tornerò sulla terra come portiere di bordello e non farò entrare nessuno di voi!"
(Arturo Toscanini, ai musicisti della NBC Orchestra)
Avatar utente
pbagnoli
Site Admin
 
Messaggi: 4006
Iscritto il: mer 04 apr 2007, 19:15

Re: Mahler

Messaggioda Enrico » mer 10 nov 2010, 0:24

Di Bernstein dovrebbero esserci le edizioni in video di Vienna: ho scoperto, insieme, l'esistenza di Mahler e di Bernstein quando le trasmetteva la Rai la sera negli anni '80.
Enrico B.
Enrico
 
Messaggi: 1019
Iscritto il: mar 17 nov 2009, 17:34

Re: Mahler

Messaggioda teo.emme » mer 10 nov 2010, 2:45

Ottima occasione per parlare di Mahler. Autore che amo particolarmente.

Si parlava di Bernstein, giustamente imprescindibile. Le incisioni DGG sono un classico, solo la summa del suo Mahler (per approfondimento e per la visceralità dell'interpretazione: Bernstein non si limita a dirigerlo, ma lo vive), tuttavia mi sento di consigliare l'edizione Sony: meno meditata e tormentata, ma carica di un vitalismo poi messo in secondo piano nella maturità artistica del grande direttore. Bernstein è più nervoso, elettrico, teso. Peraltro il cofanetto racchiude alcune importanti testimonianze storiche (di cui una che trascende, per emozioni e implicazioni, la mera resa musicale - comunque eccellente): 1) l'inaugurazione del Lincoln Center (23/09/1963) con la prima parte dell'Ottava; 2) l'Adagietto dalla Quinta eseguito, con formazione ridotta della NYP, alla St. Patrick's Cathedral, l'8/6/1968 durante i funerali di Bob Kennedy.

Rattle è un direttore che a me non piace: ancora non capisco quale sia il suo repertorio più congeniale. Lo trovo più a suo agio con scritture ibride (Gershwin e Szymanowski) piuttosto che con il sinfonismo europeo tardoromantico (ma neppure in Mozart mi entusiasma, almeno il suo Così Fan Tutte: colpa, però, del cast).

Inbal ha inciso un bellissimo ciclo.

Ma se devo consigliarne uno, oggi direi Svetlanov: un Mahler strettamente legato al tardo romanticismo più tormentato e titanico (senza essere mai retorico però, come invece rischia Solti). Il gioco dei rubati, i tempi larghi (ma non lenti), le pause. Un rapporto personalissimo con il testo.

Se devo consigliare incisioni separate direi di ascoltare Barshai (la Quinta e soprattutto la Decima - in una sua ricostruzione) e Gergiev...proprio in questi giorni ascoltavo il Titano.
Matteo Mantica
"Fuor del mar ho un mare in seno"
Avatar utente
teo.emme
 
Messaggi: 883
Iscritto il: mar 06 apr 2010, 19:32
Località: Crema

Re: Mahler

Messaggioda pbagnoli » gio 11 nov 2010, 7:12

Ci sono alcuni direttori molto importanti di cui non abbiamo ancora parlato, e che hanno inciso integrali o quasi: Boulez (che forse l'ha completata da poco); Chailly; Haitink; e infine Gary Bertini.
Tu Teo (anche gli altri, ovviamente, se ne hanno voglia) cosa ne pensi? Conosci le integrali di questi personaggi?
"Dopo morto, tornerò sulla terra come portiere di bordello e non farò entrare nessuno di voi!"
(Arturo Toscanini, ai musicisti della NBC Orchestra)
Avatar utente
pbagnoli
Site Admin
 
Messaggi: 4006
Iscritto il: mer 04 apr 2007, 19:15

Re: Mahler

Messaggioda teo.emme » dom 14 nov 2010, 4:19

pbagnoli ha scritto:Ci sono alcuni direttori molto importanti di cui non abbiamo ancora parlato, e che hanno inciso integrali o quasi: Boulez (che forse l'ha completata da poco); Chailly; Haitink; e infine Gary Bertini.
Tu Teo (anche gli altri, ovviamente, se ne hanno voglia) cosa ne pensi? Conosci le integrali di questi personaggi?


Non conosco bene le integrali di Haitink e Bertini, ma dal poco che ho sentito si tratta del solito Mahler di gusto esteriore, rifinito orchestralmente, ma vuoto e retorico.

Io continuo a consigliarti i "russi": il grandissimo Svetlanov (proprio oggi riascoltavo una straordinaria Ottava), Gergiev e Barshai, direttore immenso, che proprio in questi giorni ci ha lasciati-
Ultima modifica di teo.emme il mer 30 set 2015, 19:52, modificato 1 volta in totale.
Matteo Mantica
"Fuor del mar ho un mare in seno"
Avatar utente
teo.emme
 
Messaggi: 883
Iscritto il: mar 06 apr 2010, 19:32
Località: Crema

Re: Mahler

Messaggioda VGobbi » dom 14 nov 2010, 10:20

E Mravinskj (spero di aver scritto giusto)?
Nemmeno noi siamo d'accordo con il gobbo, ma il gobbo è essenziale! Guai se non ci fosse!
Avatar utente
VGobbi
 
Messaggi: 2455
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 20:49
Località: Verano Brianza

Re: Mahler

Messaggioda Aspro » sab 20 ott 2012, 16:14

Ciao.

Riapro questa discussione per segnalarvi un magnifico confanetto della EMI : Mahler The Complete Works
questo è il contenuto (copiato da Amazzonia)

CD 1 - "Das Klagende Lied". Simon Rattle/C.B.S.O., 1983/84
Piano Quartet movement. Domus, 1988

CD 2 - "Songs Of A Wayfarer". D. Fischer-Dieskau/Furtwaengler/Philharmonia, 1952
Symphony #1. Giulini/Chicago Symphony, 1971

CD 3 - Symphony #2. Klemperer/Philharmonia (studio version), 1961

CD 4 - Three Early Songs. Ian Bostridge/A. Pappano (piano), 2010
14 "Lieder & Gesaenge". Sung by var. big names from EMI catalog.
Symphony #3, Mvt. 1. Rattle/C.B.S.O./Birgirt Remmert (mezzo), 1997

CD 5 - Sym. #3, Mvts. II - VI. Rattle/CBSO.
"Blumine". P. Jarvi/Frankfurt R.S.O., 2009

CD 6 - Sym. #4. Horenstein/L.P.O./M. Price (sop), 1970

CD 7 - Sym. #5. K. Tennstedt/L.P.O. - "live", 1988

CD 8 - "Kindertotenlieder". K. Ferrier/B. Walter/V.P.O., 1949
"Five Ruckert Lieder". J. Baker/Barbirolli/New Phil., 1969
Sym. #6, Mvt. I. J. Barbirolli/New Philharmonia, 1967

CD 9 - Sym. #6, Mvts. II - IV. Barbirolli/New Phil., 1967

CD 10 - Sym. #7. Rattle/C.B.S.O., 1991 (Aldeburgh Festival)

CD 11 - "Des Knaben Wunderhorn". Schwarzkopf/Fischer-Dieskau/G.Szell/L.S.O., 1968
Sym. #8, Part I. Tennstedt/L.P.O., 1986

CD 12 - Sym. #8, Part II. Tennstedt/L.P.O., 1986

CD 13 - "Das Lied von der Erde". C. Ludwig/Wunderlich/Klemperer/Phil., 1966

CD 14 - Sym. #9. Barbirolli/Berlin Phil., 1964

CD 15 - Sym. #10. S. Rattle/Berlin Phil., 1999

CD 16 - "Bonus CD", una serie di interpretazione di "Ich bin der Welt abhanden gekommen" (Janet Baker, Christa Ludwig, D. Fischer-Dieskau, Thomas Allen, Brigitte Fassbaender e Katarina Karneus)
Qualità del suono da buona a discreta, ma performaces strepitoserrime (grandi Klemperer, Rattle e Barbirolli).
E per una volta, in una raccolta fa bene non avere una visione univoca delle sinfonie.

Sorry se qualcuno ne ha già parlato e non me ne sono accorto.

Saluti

Aspro
Avatar utente
Aspro
 
Messaggi: 50
Iscritto il: mar 25 set 2012, 19:56

Re: Mahler

Messaggioda vivelaboheme » lun 22 ott 2012, 18:23

Posso suggerire, quanto a Mahler (a parte il mio ENORME apprezzamento per Bernstein e Abbado), due nomi del passato meno recente?
Scherchen e Mitropoulos. Il primo talora arbitrario (quella folle ma a tratti entusiasmante Quinta con RadioFrance!) ma spesso "rivelatorio", l'altro, semplicemente uno dei "top" nel campo (e non solo).



marco vizzardelli


p.s. quanto a Rattle, e non solo riguardo Mahler, il problema è - o così pare a me - che esista un Rattle strepitoso degli anni giovanili di Birmingham e uno, stranamente "appesantito" nel suono e nei fraseggi, in quelli più recenti (specie gli ultimi) trascorsi sul podio dei Berliner, dai quali mi sembra che l'ottimo Sir Simon sia stato come "ingoiato": il leggiadro e fantasioso "folletto" di un tempo lascia spesso posto ad un meno accattivante cultore di turgori e sontuosità sonore un po' fini a se stesse. Questa, almeno, la mia impressione.
vivelaboheme
 
Messaggi: 292
Iscritto il: ven 09 dic 2011, 20:08

Re: Mahler

Messaggioda MatMarazzi » lun 22 ott 2012, 18:41

vivelaboheme ha scritto:p.s. quanto a Rattle, e non solo riguardo Mahler, il problema è - o così pare a me - che esista un Rattle strepitoso degli anni giovanili di Birmingham e uno, stranamente "appesantito" nel suono e nei fraseggi, in quelli più recenti (specie gli ultimi) trascorsi sul podio dei Berliner, dai quali mi sembra che l'ottimo Sir Simon sia stato come "ingoiato": il leggiadro e fantasioso "folletto" di un tempo lascia spesso posto ad un meno accattivante cultore di turgori e sontuosità sonore un po' fini a se stesse. Questa, almeno, la mia impressione.


Anche se a me Rattle continua a piacere da impazzire anche dopo essere passato ai Berliner, trovo il tuo giudizio totalmente giusto e condivisibile.
Ho avuto le tue stesse identiche sensazioni ogni volta che l'ho sentito dal vivo con i Berliner (Wagner, Strauss e appunto Mahler).

Un salutone,
Mat
Avatar utente
MatMarazzi
 
Messaggi: 3182
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 12:34
Località: Ferrara

Precedente

Torna a musica non operistica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite