La Notte prima di Natale / Stivaletti (Ciajkovskij)

cd, dvd, live, discografie

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

La Notte prima di Natale / Stivaletti (Ciajkovskij)

Messaggioda Zarevich » dom 02 set 2007, 12:24

Vorrei fare presente ai nostri amici italiani che nella letteratura ed anche musica russa ci sono le opere che ci raccontano delle Feste di Natale ortodosso (Il 6 di gennaio è la Vigilia di Natale = Рождественский Сочельник).
Prima di tutto c’è una fiaba o un racconto di Nikolaj Gògol “La Notte prima di Natale” («Ночь перед Рождеством») dal volume di racconti dal titolo "Le veglie alla fattoria di Dikànka" (“Vecerà na khùtorie bliz Dikànki” «Вечера на хуторе близ Диканьки»). Si chiama “La Notte PRIMA di Natale” (“Noch PERED Rozhdestvòm”) perché tutto, tutta la storia, è accaduta PRIMA di Natale (il 6 gennaio), prima di mezzanotte. E’ molto importante! A volte vedo il titolo italiano “La Notte di Natale”. Non è giusto. Il soggetto di Nikolaj Gògol è oltremodo famoso ad ogni bambino per forza della lettura scolastica o dei cartoni animati.
Su questo soggetto del racconto o della fiaba di Gògol due compositori russi hanno fatto le loro opere liriche. L’opera di Piotr Ciajkovskij che si chiama «Gli Stivaletti» («Cerevìchki» «Черевички») non aveva troppe messinscene come le sue altre opere. È qui il luogo di dire che dopo la morte di Ciajkovskij, Rìmskij-Kòrsakov compose la sua opera “La Notte prima di Natale” sullo stesso soggetto di Gògol. L’opera di Kòrsakov è completamente diversa dall’opera di Ciajkovskij. L’opera di Ciajkovskij invece è l’unica sua opera comica.

DISCOGRAFIA:

”GLI STIVALETTI” (“Cerevìchki”) «ЧЕРЕВИЧКИ»
Opera comica-fantastica in quattro atti e sette quadri.
Libretto da Jakov Polònskij tratto dal racconto “La notte prima di Natale” (“Noch pèred Rozhdestvòm”) dal volume di racconti dal titolo "Le veglie alla fattoria di Dikànka" (“Vecerà na khùtorie bliz Dikànki”) di Nikolaj Gògol con le aggiunte e le revisioni dal compositore e dal Nikolaj Chaev.
Prima: Mosca, Teatro Bolshoj, 31 gennaio 1887
Personaggi:
Il Fabbro Vakùla (Tenore)
Solòkha, sua madre, la strega (Ms)
Bess, diavoletto degli inferi, personaggio fantasmagorico (Baritono)
Ciùb, cosacco anziano (Basso)
Oksàna, figlia di Ciub (Soprano)
Panàs (Tenore)
Golovà, il sindaco (Basso)
Il maestro di scuola ex allievo del seminario (Tenore caratterista)
Il Principe Potèmkin Serenissimo (Basso-baritono)
Il Cerimoniere (Basso)
Il Ciambellano (Tenore)
Il vecchio cosacco (Basso)
Spirito del bosco (Baritono)
Contadini, diavoletti, cosacchi, cortigiani, giovanotti, ragazze, vecchie e vecchi, suonatori di gusli, ondine, l’eco, spiriti, dame della corte e cavalieri, cosacchi di Zaporòzhje ed altri. L’azione si svolge nel villaggio di Dikànka in Ucraina e a San Pietroburgo alla fine del XVIII secolo.

Qui bisognerebbe aggiungere una cosa. “Cerevìchki” in russo non sono “gli stivaletti”. La parola antica “cerevìchki” vuol dire “le scarpette da donna”. Questa parola è rustica. Quando Oksàna dice a Vakùla “A meno che non mi porti degli “stivaletti” uguali a quelli della zarina!” non sa che la Zarina non porta gli stivaletti. Per lei le scarpette di Zarina sono come “cerevìchki” da sognare. A Pietroburgo nel Palazzo dello Zar quando il fabbro Vakùla (кузнец Вакула) usa questa parola chiedendo al Principe Potèmkin dei “cerevìchki” della Zarina, suscita il sorriso. La Zarina non porta né cerevichki né stivaletti. Questa traduzione della parola “cerevìchki” come “stivaletti” non è giusta, anche se per i contadini della Piccola Russia (Ucraina) questa parola significava sia stivaletti sia scarpette, ma solamente da donna. Ma se noi traduciamo dall’italiano in russo “stivaletti” avremo l’altra parola “sapozhkì”. “Sapozhkì” cioè “stivaletti”, ma non “cerevichki”. “Cerevìchki vuol dire “scarpette”. Ma in Italia è già la tradizione chiamare quest’opera “Gli Stivaletti” e non val la pena di cambiare e noi non siamo capaci di cambiarlo.

DISCOGRAFIA:

Vorrei dire due parole della discografia di “Stivaletti” di Piotr Ciajkovskij.
Ce ne sono solo tre ed io ce le ho tutte.

1.
Piotr Ciajkovskij “GLI STIVALETTI” (“Cerevìchki”)
Coro ed Orchestra del Teatro Bolshoj
Direttore: Aleksandr Mèlik-Pashàjev (1948)
Personaggi e interpreti:
Il Fabbro Vakùla (Tenore) = Gheòrghij Nèlepp
Solòkha, sua madre, la strega (Ms) – Elisavèta Antònova
Bess, diavoletto degli inferi (Baritone) – Aleksej Ivanòv
Ciùb, cosacco anziano (Basso) – Maxim Mikhajlov
Oksàna, figlia di Ciùb (Soprano) – Elena Krùglikova
Panàs (Tenore) – Fiodor Godòvkin
Golovà, il sindaco (Basso) – Serghej Krassòvskij
Il maestro di scuola (Tenore) – A. Peregùdov
Il Principe Potèmkin (Basso-baritono) – Andrej Ivanòv
Il Cerimoniere (Basso) – I. Iònov
Il Ciambellano (Tenore) – V. Scevtsòv
Il vecchio cosacco (Basso) – I. Sipàev
Spirito del bosco (Baritono) – M. Skàzin
La Zarina Caterina II (Ms) – Olga Inssàrova

COMMENTO:
La prima incisione dell’opera del 1948 con Gheòrghij Nèlepp come il fabbro Vakùla. Questo cantante mi piace molto e ve lo consiglio!
Una particolare menzione merita Maksim Mikhajlov nella parte di Ciùb.
Il basso fenomenale, unico. Fa stupore. La parte di Bess, diavoletto degli inferi, canta Aleksej Ivanòv. È bravo, ma è un po’ troppo serio. Bess è un personaggio abbastanza comico. Il Principe Potèmkin Serenissimo (Basso-baritono) – Andrej Ivanòv (omonimo di Aleksej) è molto bravo in questa parte dell’amante di Caterina Seconda. E’ davvero il Principe Serenissimo. Il Principe Grigorij Potèmkin (1739-91), uno dei favoriti di Caterina Seconda.
Oksàna, figlia di Ciùb (Soprano) – Elena Krùglikova. E’ orribile.
Solòkha, madre di Vakùla, la strega (Ms) – Elisavèta Antònova. E’ brava. L’orchestra di Aleksandr Mèlik-Pasciajev non è all’altezza.
In ogni modo non sono tempi giusti. L’incisione è vecchia e antiquata. L’incisione è un po’ sonnacchiosa. Una curiosità di quest’incisione! Si sa che Ciajkovskij e l’autore del libretto Jakov Polònskij non danno alla Zarina Caterina II una parola. Lei appare ma non canta. Come nella “Dama di Picche”. Era proibito. L’imperatrice o Imperatore non poteva cantare in opera e Ciajkovskij lo sapeva. Ma Rìmskij, nella sua opera, “dà da cantare” alla Zarina Caterina II e per questo ebbe problemi con la censura. Nell’incisione di Mèlik-Pasciajev la Zarina canta qualche parola.
Probabilmente nell’anno 1948 hanno deciso di dare qualche parola a Caterina dalla parte del Serenissimo. E’ strano. Non si può migliorare Ciajkovskij o Polonskij. Anche se è curiosità!
L’opera “Cerevichki” è l’opera prima di tutto per il tenore.
Se non c’è un bravo tenore, non c’è l’opera. Ci sono due arie di Vakùla. Quest’incisione è da ascoltare prima di tutto grazie a Nèlepp e Mikhajlov (!!!!). Ve la consiglio come rarità giurassica.

2.
Piotr Ciajkovskij “GLI STIVALETTI” (“Cerevìchki”)
Coro della Radio e della TV
Orchestra Sinfonica. Direttore: Vladimir Fedossejev (1974)
Personaggi e interpreti:
Il Fabbro Vakùla (Tenore) – Konstantin Lissòvskij
Solòkha, sua madre, la strega (Ms) – Liudmìla Sìmonova
Bess, diavoletto, (Baritone) – Oleg Klènov
Ciùb, cosacco anziano (Basso) – Aleksej Krivcènia
Oksàna, figlia di Ciub (Soprano) - Nina Fominà
Panàs (Tenore) – Ivàn Kartavènko
Golovà, il sindaco (Basso) – Ghennàdij Troitzkij
Il maestro (Tenore) – Vladimir Màkhov
Il Principe Potèmkin (Basso-baritono) – Aleksandr Polakòv
Il Cerimoniere (Basso) – Viktor Selivànov
Il Ciambellano (Tenore) – Valerij Rybin
Il vecchio cosacco (Basso) - Viaceslav Godunòv
Spirito del bosco (Baritono) – Ivan Budrin

COMMENTO:
Quest’incisione è più moderna. L’orchestra di Vladimir Fedossejev è molto buona. Konstantin Lissòvskij (Vakùla) è abbastanza bravo. Oleg Klènov come Bess è la perla dell’incisione. Oksana – Nina Fominà è un po’ noiosa. Solòkha - Liudmìla Sìmonova è brava. In generale l’incisione è di buona lega. L’orchestra è molto pittoresca!. La musica di Ciajkovskij qui si sente nel suo bello.

3.
Piotr Ciajkovskij “GLI STIVALETTI” (“Cerevìchki”)
Coro ed Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari
Direttore: Ghennadij Rozhdèstvenskij (2000)
Personaggi e interpreti:
Il Fabbro Vakùla (Tenore) - Vladimir Popòv
Solòkha, sua madre, la strega (Ms) - Ludmila Scemciùk
Bess, diavoletto (Baritono) - Albert Schaghidùllin
Ciùb, cosacco anziano (Basso) - Vladimir Ognovènko
Oksàna, figlia di Ciub (Soprano) - Ekaterina Moròzova
Panàs (Tenore) - Valentin Prolat
Golovà, il sindaco (Basso) - Barseg Tumanyan
Il maestro (Tenore) - Vladimir Okènko
Il Principe Serenissimo (Basso-baritono) - Grigorij Osipov
Il Cerimoniere (Basso) - Albert Schaghidùllin

COMMENTO:
La stella di quest’incisione è Ludmìla Scemciùk (!) come la strega Solòkha.
La cantante russa del Bolshoj che da molti anni vive all’estero. Non l’ho sentita da molti anni. Albert Schaghidùllin come Bess e Il Cerimoniere è molto molto bravo. L’incisione è quasi russa, con i cantanti russi. L’orchestra e coro del Teatro Lirico di Cagliari sono interessantissimi. Ghennàdij Rozhdèstvenskij sa cosa e come fare. E’ un maestro eccezionale. Vladimir Popòv canta come sa cantare. Non è un bravo Vakùla, purtroppo. Consiglio quest’incisione! Tutto è fatto molto bene. L’incisione “saporita”.


NIKOLAJ RIMSKIJ-KORSAKOV

Nikolaj Rimskij-Kòrsakov “LA NOTTE PRIMA DI NATALE” (2CD)
CAST
Ciub – Serghej Krassòvskij (basso)
Oksàna = Natalia Shpiller (soprano)
Vakùla = Dmitrij Tàrkhov (tenore)
Solòkha = Natalia Kulàghina (mezzosoprano)
Golovà = Serghej Migaj (baritone)
Panass = Vsèvolod Toutiùnik (basso)
Le Sacristain – Serghej Streltsòv (tenore)
Patsiouk = Aleksej Koroliov (basso)
Diavoletto – Piotr Pontrjàghin (tenore)
La Zarina = Ludmila Legostajeva (mezzosoprano)
Coro e Orchestra della Radio di Mosca
Direttore: Nikolaj Golovànov
Registrato: 1948
Zarevich
Avatar utente
Zarevich
 
Messaggi: 145
Iscritto il: lun 16 apr 2007, 14:45
Località: Mosca Russia

Messaggioda pbagnoli » dom 02 set 2007, 13:50

Conosco molto bene l'incisione dell'opera di Korsakov, e la trovo divertentissima e molto ben fatta, anche se purtroppo viene pubblicata senza libretto e per noi che non conosciamo il russo è difficile seguire la vicenda; è stato in questi dischi che ho conosciuto Krassovskij, il basso con la voce enorme.
Ma il libretto dell'opera di Korsakov è lo stesso di quella di Ciajkovskij?
Avatar utente
pbagnoli
Site Admin
 
Messaggi: 4006
Iscritto il: mer 04 apr 2007, 19:15

Messaggioda Zarevich » dom 02 set 2007, 14:09

Il soggetto è lo stesso basato sulla fiaba di Gogol, ma libretti sono diversi. Gli Stivaletto di Ciajkovskij ha il libretto scritto da Jakov Polonskij, invece “La Notte prima di Natale” ha il libretto scritto da Korsakov stesso.
Zarevich
Avatar utente
Zarevich
 
Messaggi: 145
Iscritto il: lun 16 apr 2007, 14:45
Località: Mosca Russia

Messaggioda Alberich » dom 02 set 2007, 19:32

pbagnoli ha scritto:Conosco molto bene l'incisione dell'opera di Korsakov, e la trovo divertentissima e molto ben fatta, anche se purtroppo viene pubblicata senza libretto e per noi che non conosciamo il russo è difficile seguire la vicenda; è stato in questi dischi che ho conosciuto Krassovskij, il basso con la voce enorme.
Ma il libretto dell'opera di Korsakov è lo stesso di quella di Ciajkovskij?
Anche io ho comprato quell'incisione, per me bellissima, soprattutto per Krassovskij e il tenore Tarchov. L'opera di Ciajkovskij l'ho invece sentita alla Scala e ricordo solo una gran noia, forse ero stanco io, o forse non è un caso che non sia una composizione così nota, pur essendo celeberrimo il compositore.
Avatar utente
Alberich
 
Messaggi: 693
Iscritto il: gio 12 apr 2007, 19:09

Re: La Notte prima di Natale / Stivaletti (Ciajkovskij)

Messaggioda Onofrio » mar 28 feb 2017, 13:41

Ciao a tutti,
per chi fosse interessato di un racconto più approfondito può dare un'occhiata qua.
it.wikipedia.org/wiki/Nikolaj_Andreevi%C4%8D_Rimskij-Korsakov
Saluti a tutti.

__________________
Vendita e installazione grate di sicurezza milano e inferriate > Skudor.com
Onofrio
 
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 03 feb 2016, 12:45


Torna a registrazioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti