invito all'opera

Il sito e la sua comunità

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

invito all'opera

Messaggioda DocFlipperino » mer 14 ott 2015, 15:40

cari amici,

se doveste spiegare a un neofita o a un giovane perchè amate l'opera, che argomentazioni usereste?

e se il giovane/neofita vi chiedesse come fare per avvicinarsi al nostro mondo.....?
-------------------------
è in arresto. sì! all'ottavo piano....
Avatar utente
DocFlipperino
Moderator
 
Messaggi: 749
Iscritto il: gio 08 mag 2014, 11:11

Re: invito all'opera

Messaggioda VGobbi » mer 14 ott 2015, 22:29

Sulla prima domanda, come argomento sceglierei la capacità che ha l'opera di farmi librare nel mondo della fantasia e la sua capacità di farmi rilassare e staccarmi, seppur per poco, dai problemi quotidiani a cui siamo sempre assillati. L'opera lirica e' un'astronave che ci porta su un nuovo pianeta tutto da scoprire e da gustare.

Quanto alla seconda domanda, credo che per avvicinarsi al mondo dell'opera lirica, sia sopratutto la curiosità. La curiosità è il principio del sapere e perché no, anche del divertimento.

Comunque penso che se potessi indirizzare il neofita nell'ascolto della musica lirica, più che consigliare un dato compositore od opera, punterei su interpreti che abbiano un'ottima dizione. Sentirli cantare e non capire quello che dicono, penso che sia un deterrente assai potente, un ostacolo non indifferente all'approccio del melodramma.
Nemmeno noi siamo d'accordo con il gobbo, ma il gobbo è essenziale! Guai se non ci fosse!
Avatar utente
VGobbi
 
Messaggi: 2455
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 20:49
Località: Verano Brianza

Re: invito all'opera

Messaggioda dollarius@libero.it » gio 15 ott 2015, 8:00

VGobbi ha scritto:Comunque penso che se potessi indirizzare il neofita nell'ascolto della musica lirica, più che consigliare un dato compositore od opera, punterei su interpreti che abbiano un'ottima dizione. Sentirli cantare e non capire quello che dicono, penso che sia un deterrente assai potente, un ostacolo non indifferente all'approccio del melodramma.


Non sono proprio d'accordo, sai? Oramai in tutti i teatri d'opera (quasi) ci sono i sopra-titoli. Inoltre il canto lirico (anche se la dizione e' buona) non e' tanto comprensibile per chi non e' abituato. Io partirei piuttosto, non dalla scelta di un titolo, quanto dalla valutazione della personalita' del convitato. E' giovane? E' anziano? E' donna? Uomo? Romanticone? Cinico? Ha passioni particolari? Chenneso'......il medioevo, la storia antica, il romanticismo? Ecco, dopo aver valutato bene la personalita' di chi mi stara' accanto, mi informerei sull'allestimento e sulla qualita' dei cantanti.
In fondo la prima volta e' sempre la prima volta, e non si scorda mai! : Love :
baci baci
Irina
dollarius@libero.it
 
Messaggi: 281
Iscritto il: ven 18 feb 2011, 8:54


Torna a Il salotto di operadisc

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite

cron