Teneke (Vacchi)

recensioni e commenti di spettacoli visti dal vivo

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

Messaggioda teo.emme » sab 06 ott 2007, 19:05

mR_jOHNSON ha scritto: Forse perchè il mondo dell'opera è un grande reparto di geriatria.


O forse perchè il valore di quei "prodotti" è infimo.... Naturalmente ciascuno sia libero di bearsi con i rumori di Sciarrino & C. ma non accusate chi questi rumori non li tollera, di essere degli ottusi ignoranti...
teo.emme
 

Messaggioda mR_jOHNSON » dom 07 ott 2007, 0:44

teo.emme ha scritto:
mR_jOHNSON ha scritto: Forse perchè il mondo dell'opera è un grande reparto di geriatria.


O forse perchè il valore di quei "prodotti" è infimo.... Naturalmente ciascuno sia libero di bearsi con i rumori di Sciarrino & C. ma non accusate chi questi rumori non li tollera, di essere degli ottusi ignoranti...


Rumori... per te sono rumori anche Berg e Schonberg, scommetto...
Forse è vero che ho smarrito il sentiero della Micheltorena? :roll:
Avatar utente
mR_jOHNSON
 
Messaggi: 13
Iscritto il: lun 02 lug 2007, 22:59
Località: i monti della Sierra...

Messaggioda MagdaO » dom 07 ott 2007, 0:55

teo.emme ha scritto:O forse perchè il valore di quei "prodotti" è infimo.....


Mi pare che troppo l'essere esplicito sia una mancanza di educazione!
I giudizi non devono mai essere così assoluti secondo me, tu dici "infimo" e dai un giudizio tranciante e che non ammette repliche.
Marazzi mi pare più propenso a una discussione, cosa che qua in molti aborrono.
Mi spiace avere contravvenuto a una mia idea di non scrivere più e leggere solo, ma questo è una specie di repressione mediatica: tu fai solo come dico io.
Arrivederci.
Avatar utente
MagdaO
 
Messaggi: 11
Iscritto il: dom 15 apr 2007, 17:34

Messaggioda teo.emme » dom 07 ott 2007, 1:16

mR_jOHNSON ha scritto: Rumori... per te sono rumori anche Berg e Schonberg, scommetto...


Assolutamente no...tutt'altro, mi piace Schonberg (soprattutto quello predodecafonico) e Berg, ma non confondiamo quelli che sono ormai due classici con certi sperimentalismi fini a sè stessi, totalmente distaccati da ciò che tutti percepiscono come "musica". Ho ascoltato alla Scala "Perseo e Andromeda" di Sciarrino e sfido chiunque a chiamare quella "roba" musica. Un'accozzaglia di suoni elettronici che non significa nulla. A dispetto di critici militanti che ne decantarono il valore. Ascoltai pure Station Thermale (non tutta, uscii all'intervallo, stufo di essere preso in giro).

Voglio spiegarmi ed essere esplicito: mi piace anche la musica contemporanea (non parlo di Berg, Schonberg e Webern che ormai sono dei classici) ad esempio Henze, grandissimo musicista e compositori, con qualcosa da dire e con la capacità per dirla. Non mi piace quella pseudo musica finalizzata al mero scandalo, fine a sè stessa e funzionale ad un certo messaggio ideologico. Tutto qua. E se permetti Vacchi non è Berg.....un pò di pudore.

Ps: non credevo che Vacchi potesse avere così tanti sostenitori...deve aver proprio degli agganci giusti!
Ultima modifica di teo.emme il dom 07 ott 2007, 1:26, modificato 2 volte in totale.
teo.emme
 

Messaggioda teo.emme » dom 07 ott 2007, 1:25

MagdaO ha scritto: Mi pare che troppo l'essere esplicito sia una mancanza di educazione!
I giudizi non devono mai essere così assoluti secondo me, tu dici "infimo" e dai un giudizio tranciante e che non ammette repliche..


Assolutamente no. Il mio giudizio (legittimo e personale e meditato) è preceduto da un FORSE, se hai avuto la compiacenza di leggerlo, segno che non credo di avere verità assolute in tasca, ma opinioni che sei libera di condividere o meno, di confutare o meno.
Francamente io ho espresso le mie riserve, che tu forse non condividerai (liberissima), ma non ho dato giudizi trancianti e pregiudiziali (giudico ciò che ho ascoltato).
Al contrario tu ti astieni dal portare ragioni al tuo discorso, e ti limiti a scandalizzarti per le prese di posizione altrui.

La mia poi, è una constatazione oggettiva: tutti quei lavori salutati da certa critica e certa stampa e da certi ambienti culturali come rivoluzionari, progressisti, migliori della "paccottiglia" tradizionale e blablabla, son durati lo spazio di una sera o il tempo di una recensione. Perchè? Se sono validi, come tu dici, come mai son spariti?

E' molto comodo rifugiarsi nell'accusare gli altri di essere ottusi o reazionari: si sfugge al confronto e si evita di mettere in discussione le proprie idee e i propri pregiudizi.
teo.emme
 

Messaggioda pbagnoli » dom 07 ott 2007, 10:20

Ragazzi, cerchiamo di moderare i toni per piacere.
Chi non ha voglia di scrivere, eviti di farlo notare a tutti quanti.
Chi vuole scrivere è sempre benvenuto, ma con giudizio (come diceva Alessandro Manzoni)
Avatar utente
pbagnoli
Site Admin
 
Messaggi: 4006
Iscritto il: mer 04 apr 2007, 19:15

Messaggioda teo.emme » dom 07 ott 2007, 13:19

Chiedo scusa per aver alzato i toni.

Mi piacerebbe comunque sapere da parte degli estimatori di Vacchi (e di tutti gli altri) dove stia l'eccezionalità di quella musica. Senza polemica.
teo.emme
 

Messaggioda mR_jOHNSON » mer 10 ott 2007, 18:46

teo.emme ha scritto:Chiedo scusa per aver alzato i toni.

Mi piacerebbe comunque sapere da parte degli estimatori di Vacchi (e di tutti gli altri) dove stia l'eccezionalità di quella musica. Senza polemica.


Non una musica ECCEZIONALE. Una musica INTERESSANTE. La differenza è sostanziosa.

Non definirei certo Vacchi un innovatore, ma non per questo reputo disprezzabile la dinamica della strumentazione, nè il trattamento delle linee vocali. Non basta l'assenza di "melodia" a suggerirmi un giudizio negativo. Altrimenti sarei costretto a disprezzare persino "Turandot" o "Pelleas et Melisande"... Andiamo...
Forse è vero che ho smarrito il sentiero della Micheltorena? :roll:
Avatar utente
mR_jOHNSON
 
Messaggi: 13
Iscritto il: lun 02 lug 2007, 22:59
Località: i monti della Sierra...

Messaggioda teo.emme » mer 10 ott 2007, 19:09

mR_jOHNSON ha scritto: Non basta l'assenza di "melodia" a suggerirmi un giudizio negativo. Altrimenti sarei costretto a disprezzare persino "Turandot" o "Pelleas et Melisande"... Andiamo...


Infatti: non parlo di assenza di melodia (come hai letto prima, mi piace molto certa musica "moderna" Berg, Webern, Schoenberg ovviamente...Henze, grandissimo...tutti autori in cui non vi è traccia di melodia), parlo di assoluto vuoto ideale, parlo di un concetto "anni '60" di avanguardia che Vacchi perpetua, fatto di messaggi, di strizzate d'occhio a certo sperimentalismo, ad un moralismo di fondo (basta leggere i presupposti teorici della musica di Vacchi), in ciò non poteva che trovare in Olmi il suo esegeta.
teo.emme
 

Messaggioda Alberich » gio 11 ott 2007, 16:06

Non capisco come mai alla mia recensione (criticabilissima: l'ho scritta di fretta e non sono un musicista nè un critico) è stato risposto:
- che probabilmente io e altri apparteniamo al reparto geriatria;
- disquisendo sul vero o presunto snobismo del sito;
- arguendo che a me o ad altri non piaccia la musica di Berg e Schoenberg.
Sarebbe più interessante sapere cosa vi è piaciuto. O meglio: a me interesserebbe moltissimo sapere cosa e perchè vi è piaciuto di quello spettacolo!
Avatar utente
Alberich
 
Messaggi: 693
Iscritto il: gio 12 apr 2007, 19:09

Messaggioda teo.emme » gio 11 ott 2007, 18:19

Hai perfettamente ragione Alberich...anche io voglio porre le tue stesse domande. Infatti non capisco perchè se si mostrano legittime riserve su Vacchi/Teneke/Olmi si è accusati di essere zombie, o degenti di un reparto di geriatria. E poi perchè mai se non mi piace Vacchi non dovrebbero piacermi Berg o Schoenberg???? Davvero sostenete che Vacchi sia come Berg e Schoenberg o ne abbia lo stesso valore??? No perchè se è così inizio a ridere ora e non smetto più!
teo.emme
 

Precedente

Torna a visto a teatro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite

cron