Puccini, tra puccinismo e modernità

problemi estetici, storici, tecnici sull'opera

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda DottorMalatesta » gio 28 nov 2013, 13:32

Visto che Mattioli sostiene che il forum sonnecchi in un noioso consenso, vorrei provare a smuovere un po' le acque.

Ho l'impressione che, dal punto di vista registico, Puccini sia un autore per lo più confinato ad una lettura illustrativa, da cartolina, e che poche siano le regie che hanno tentato di sottrarlo ad un puccinismo zuccheroso e di maniera.

Così, a bruciapelo, alcune regie che hanno tentato di percorrere "strade nuove":

- Manon Lescaut di Robert Carsen

-Tosca di Robert Carsen

- Trittico di Richard Jones

- Turandot di David Pountney

- Bohème di Baz Luhrmann, e soprattutto quella con la regia di Stefan Herheim.
Per inciso, Bohème mi sembra l'opera che più spesso rischia di essere tradotta in regie polverose e zuccherose. La Bohème di Zeffirelli è stata una produzione importante, fondamentale, ed è forse l'Ur-Bohème, uno spettacolo dal quale ne sono generati infiniti altri (come tante copie, imitazioni più o meno riuscite dell'originale). Ma siamo sicuri che, con lo scorrere dei decenni, sulla Bohème di Zeffirelli non si sia depositata un po' di polvere? E' ancora uno spettacolo in grado di parlare e communovere?
La più sconvolgente regia di quest'opera che mi è capitato di vedere è stata quella di Herheim, al solito regista strepitoso dal punto di vista scenotecnico. Qui la vicenda "avveniva" dentro la testa di Rodolfo, diventava una sua allucinazione, una via di fuga nel sogno, una sorta di negazione della realtà: Mimì che, giovane e bella, si ammala e muore di cancro. Bella novità, direte voi.



Beh... il concetto era reso con un'abilità tecnica sorprendente, e alla fine lo spettacolo convinceva, anche se Bohème diventava, di fatto, un'opera espressionista, anche negli espliciti richiami visivi a certa pittura tipo Otto Dix:



Che dite? Una provocazione? Un'idiozia? Uno stupro dell'opera? Una lettura nuova e in grado di parlare al linguaggio e alla sensibilità di oggi?


P.S.: il video intero si trova su questo sito nipponico (che, almeno sul mio computer, sembra a prova di antivirus)
http://v.youku.com/v_show/id_XMzY0NjU0NTEy.html
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda mattioli » gio 28 nov 2013, 19:11

Ciao MM,

mi hai fatto voglia di vedere La Bohème di Herheim...
Comunque se ben ricordo Carsen di Puccini fece l'integrale, almeno delle opere principali.
Nell'elenco delle produzioni importanti metterei anche la Butterfly di Wilson, oggi inguardabile, ma che a suo tempo fu importante e, mah sì, di rottura rispetto al puccinismo zeffirelliano...
Ciao ciao

: Chef :
Twitter: @MattioliAlberto
mattioli
 
Messaggi: 1100
Iscritto il: mer 09 dic 2009, 19:09

Re: Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda DottorMalatesta » gio 28 nov 2013, 19:31

mattioli ha scritto:Nell'elenco delle produzioni importanti metterei anche la Butterfly di Wilson, oggi inguardabile, ma che a suo tempo fu importante e, mah sì, di rottura rispetto al puccinismo zeffirelliano...


Anche solo a sentire nominare Wilson mi riempio di bolle :mrgreen: Comunque ammetto che a sua Butterfly è una delle cose "meno peggio" che ha fatto...

Ciao!

DM

P.S.: la Bohème di Herheim, nel bene e nel male, lascia il segno!

P.P.S.: al solito hai ragione, Carsen ha messo in scena: Manon, Turandot, Boheme, Trittico, Tosca, Butterfly, Fanciulla. Del Puccini "importante" manca solo Rondine.
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda DottorMalatesta » dom 01 dic 2013, 13:24

Vedo ora che la Boheme di Herheim è in vendita in Bluray

Immagine

E', lo ripeto, una Boheme che lascia il segno!

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda mattioli » mar 04 mar 2014, 16:39

Oh, chi si vede! Il sommo Mascherpa! Nella latitanza dei tenutari (specie uno, WSM, alias Divino), Ti dò il benvenuto io.
Su Puccini trovo che tu abbia perfettamente ragione: è uno degli operisti più maltrattati della storia. Credo però che per ripensarlo lettura musicale e scenica debbano andare di pari passo, anche per ridargli quei valori più schiettamente drammaturgici sempre annegati nella melassa del sentimentalismo modello "è stato così bello, ho pianto tanto". Adesso però non ho il tempo di sviluppare il discorso. Ancora benvenuto, ciao.

AM
Twitter: @MattioliAlberto
mattioli
 
Messaggi: 1100
Iscritto il: mer 09 dic 2009, 19:09

Re: Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda pbagnoli » mar 04 mar 2014, 17:38

vittoriomascherpa ha scritto:
mattioli ha scritto:Ti dò il benvenuto io.

Grazie, Alberto.

Meno male che ogni tanto ho il tempo di collegarmi, fra una menata lavorativa e l'altra, perché poi ho la gradevole sorpresa di ritrovare un vecchio amico: Vittorio Mascherpa, appassionato colto e profondo, ricco di saggezza e di ascolti profondi.
Grazie davvero di essere venuto su queste pagine: ci onori con la tua presenza
Pietro
"Dopo morto, tornerò sulla terra come portiere di bordello e non farò entrare nessuno di voi!"
(Arturo Toscanini, ai musicisti della NBC Orchestra)
Avatar utente
pbagnoli
Site Admin
 
Messaggi: 4006
Iscritto il: mer 04 apr 2007, 19:15

Re: Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda DottorMalatesta » mar 04 mar 2014, 18:16

Arrivo finalmente anch'io a dare il mio cordiale benvenuto a Vittorio!
Ho sentito parlare di te anche recentemente ("Solo cose belle! Solo cose belle!" tanto per citare Olaf, il pupazzo di neve dell'ultimo cartone animato Disney. Scusami ma avendo una figlia di 4 anni questi sono i miei attuali orizzoni culturali :mrgreen: ), e sono davvero contento della tua presenza su questo nostro forum!
8)

Venendo a Puccini, condivido le tue riflessioni. Mi permetterei di fare anche il nome di Sinopoli, interprete rivoluzionario sempre, ma soprattutto in Puccini, le cui opere ha contribuito ad accostare ai grandi capolavori del Novecento europeo, sottraendole alla polvere e alla melassa da cui erano sommerse da troppo troppo tempo.

Ancora benvenuto!

Francesco (DM)
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Puccini, tra puccinismo e modernità

Messaggioda VGobbi » mar 04 mar 2014, 20:20

Chi si rivede Mascherpa!

Giammai l'avrei creduto ... :twisted:
Nemmeno noi siamo d'accordo con il gobbo, ma il gobbo è essenziale! Guai se non ci fosse!
Avatar utente
VGobbi
 
Messaggi: 2455
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 20:49
Località: Verano Brianza


Torna a questioni generali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite

cron