Hanno detto... (aforismi e frasi celebri)

problemi estetici, storici, tecnici sull'opera

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

Hanno detto... (aforismi e frasi celebri)

Messaggioda DottorMalatesta » mer 13 nov 2013, 23:50

L'idea di questo thread è quello di presentare alcune frasi e aforismi sull'opera su cui sarebbe bello poter condividere qualche impressione e commento.
Vorrei cominciare con un omaggio a Patrice Chéreau. Le frasi sono tratte dall'ultimo numero di Diapason. La traduzione è mia, quindi pessima : Hurted :

"Io non rileggo, io leggo. Scopro il testo come fosse un neonato, il testo nudo, senza tradizione, senza convenzioni. Io sono il telescopio, il microscopio, lo stetoscopio dello spettatore. O un paio d'occhiali tra l'opera di ieri e il pubblico d'oggi."

"Regia, nell'opera, significa fare in modo che sia l'azione a provocare la musica, e non viceversa. Che il cantante non segua uno sviluppo musicale regolato, previsto, ma lo evochi ad ogni istante. Noi dobbiamo creare una situazione che renda necessaria la musica che il compositore ha scritto. Ogni soluzione che non spinga a cantare proprio quella determinata musica, in quello stile, con quella sfumatura, con quel tempo... è destinata a fallire."


Patrice Chéreau

Trovo davvero splendida la frase: Io sono il telescopio, il microscopio, lo stetoscopio dello spettatore.

Il vero regista è chi sa essere il microscopio dello spettatore, permettendogli di analizzare l'opera, scoprendone dettagli mai pensati prima (l'analisi). Ma il vero regista deve essere anche il telescopio dello spettatore, fornendogli una visuale complessiva dell'opera, uno sguardo coerente e onnicomprensivo del testo (la sintesi). E infine, il vero regista deve essere lo stetoscopio dello spettatore, potenziando le emozioni suscitate nello spettatore stesso dal contatto con l'opera (l'emozione).

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48

Re: Hanno detto... (aforismi e frasi celebri)

Messaggioda DottorMalatesta » mer 20 nov 2013, 21:21

"Su questo proposito noi fummo testimoni al teatro di bizzarre discussioni. Tuonava l'urlo dalla scena. Bene! si esclamava qua; male! si mormorava là, nella platea. Dipoi al succeder d'alcuni di quei pezzi che in mezzo a numerosa udienza pur si cantano al deserto, così si proseguiva dalle parti avverse: Questo si chiama cantar d'anima! - Questo si chiama gridar di cuore! - Quelli dicevano: in certe situazioni terribili, l'ulro è il sublime del canto. - Questi rispondevano: l'urlo è sempre urlo, e canto non mai. - Ma, soggiungevano i primi, in natura, quando l'anima è lacerata, l'uomo grida; dunque nell'Arti Belle, imitatrici della natura... - Se son Arti Belle, rispondean gli altri, esse non debbono imitare il deforme della natura; converrete che in natura l'uom fa atti che il tacere è bello...!"

[youtube]Dalla Gazzetta di Firenze, 11 maggio 1833 (dopo una rappresentazione della Parisina di Donizetti con Duprez)[/youtube]

Della serie: Nihi novi sub sole!

:mrgreen:

By the way: bellissimo il commento "Se son Arti Belle, rispondean gli altri, esse non debbono imitare il deforme della natura; converrete che in natura l'uom fa atti che il tacere è bello...!"
Anche allora il "cattivo canto" evocava... "turpe immagini"

:lol:

DM
Un solo punto di vista è la vista di un solo punto
Avatar utente
DottorMalatesta
Moderator
 
Messaggi: 2696
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 13:48


Torna a questioni generali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti