Il baritono verdiano oggi

cantanti, direttori, registi, scenografi

Moderatori: DocFlipperino, DottorMalatesta, Maugham

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda TaO » mar 10 apr 2012, 18:44

Verdi ha destrutturato e ristrutturato i diversi registri vocali, sia maschili che femminili.
Ha iniziato la sua corsa quando l’apice era il “belcanto” (in cui il regno virtuosistico canoro apparteneva alla sapienza d’uso del registro acuto e sovracuto ), si è reso conto che quelli erano confini sonori ridotti per le sue esigenze drammaturgico-musicali, ha ripreso e proseguito quanto Rossini aveva tracciato (repertorio serio…Semiramide, Mosè, Otello, G. Tell) e ha teso l’arco oltre l’ostacolo.
Sì, la specificità del tipo-vocale “baritono” per Verdi è prevalentemente questa: fa da arciere e da contraltare delle tensioni che si muovono sopra, lungo, sotto la trama.
Buon esempio di quel che voglio dire è l’Ernani dove si intersecano e si affrontano tre tipologie vocali maschili ben distinte e disegnate: il basso-truce-spigoloso, il baritono regal-poten-prepotente, il tenore ardimentoso-eroico.
Opera con più fulcri, ognuno ben definito nel quale il ruolo-suono baritono è un catalizzatore-fautore di tensione.
So che ora mi beccherò della mummia, ma se non l’avete già nelle orecchie, riascoltate quest’opera, ediz. Metà anni cinquanta con Cerquetti-DelMonaco-Bastianini-Christoff, bacchetta distilla-trame Mitropulos. ReCarlo non è protagonista dell’opera, ma da quel personaggio passa ogni filo-intreccio, come epicentro vitale…ecco a cosa mi fa pensare il baritono in opere verdiane…
Il baritono è un epicentro di forze ed un appiglio sicuro nei contrasti. Ecco a cosa serve quella vocalità per Verdi che non la identificava né col basso-cantante né col tenore-grave.
Verdi decide più volte, in età/esigenze diverse , di assegnare al baritono i ruoli-traino-trama, in scena ciò che è protagonista spesso sono i contrasti e la tensione …e quei contrasti-tensioni s’accendono quando..beh pensate all’ingresso di Nabucco..o del ConteLuna…o di Jago…etc…etc..etc….
E il baritono non è placato-rassegnato-monocorde-giocondo-sicuro: è un groviglio di corde in movimento con epicentro definito (che per chi ascolta si identifica con il registro medio-grave…. e quell’è il regno-certo del baritono come lo disegnava Verdi).

Forse non sarà comprensibile, ma la cosa più vicina a quel che intendo non è un’aria solistica da vocione-baritono, ma un concertato del DonCarlo (e non ci posso far nulla, io pendo per polifonia e per anni ho avuto dietro le orecchie proprio quei bontemponi dei bassi-primi che in coro polifonico più o meno si muovono su suoni simili al baritonone), in cui l’epicentro baritono non è in primafila, ma si espande-contrae ed è fil d’acciaio che tutto trattiene-tiene. Uguale accade nel corso dell’opera, Rodrigo non è il protagonista, ma nell’arco dell’opera inanella una serie di dialoghi-duetto con le altre figure maschili (o tenore e o basso) nei quali ha proprio quel ruolo di perno-mediazione …. e anche la vocalità-pilastro nei centrali ne è indicatore.

Don Carlo – Atto Terzo – Quartetto “Soccorso alla regina…”



Lo so, potrei anche pescare l’altro concertato-cardine il quartetto 3° atto Rigoletto – che se vogliamo essere più precisi è un doppio duetto intrecciato solo per noi spioni da platea. In quell’opera, il baritono è protagonista centrale e con lui irrompe in scena (in teatro-opera intendo) l’esclusione/emarginazione,l’attenzione verso i pensieri e le azioni di chi vive in condizione di svantaggio e che essendo servitore vive celando ciò che pensa e ciò che è. Questo celare-scindere riguarda anche la vita pubblica e la vita privata, l’esteriorità e l’interiorità.
Ma che voce poteva cantare questo? Una voce da “strillone-tenorone” o da “grazioso-tenorino” o da “cupo-fosco-basso”? Chi? La voce di mezzo, quella epicentro, quella salda sui centri.
E se questa è la voce di mezzo, che voce può avere la “vita piana-disimpegnata”?E qual è la voce più lontana dal range-epicentro? Quella là…..virtuosistico-belcantista, esponente di idealità da vittima-ingenuo-angelicata. E il sicario? Eccolo il fosco-cupo-tentatore….laggiù più profondo dell’epicentro.
Che voglio dire con tutto ciò? Che Rigoletto ha la voce da epicentro proprio per sviluppare suoni-melodia da contrasto con ogni interlocutore… chissà perché in quell’opera non c’è una virgola di dialogo diretto tra il gobbo e il duca, niente..nemmeno bau di striscio eppure si trovano in mismo luogo più volte…ma ggniente, non si favella…E’ arduo far dialogare l’effimero e l’umano, arduo far dialogare due dimensioni così distanti….anche Germont/Alfredo mica dialogano (lo so lo so che c’è la predica “torna all’ovile, ciccino mio” e il bofonchio post-scena-madre …)là c’è papà che monologa mentre figliolo o tace o ha la testa a 12.000 miglia…Mi sono persa? Sì, ok riprendo il filo e riavvolgo.

Insomma giovani, il baritono verdiano per me si muove là, in area epicentro-trame così come si muove sonoramente in area centrale, con assoluta padronanza-sicurezza. Il chè non vuol dire staticità eh, vuol dire fraseggio-legato-dinamica e tutto il bagaglio-tecnica…..ma la tecnica è la forbice del sarto, non è produttrice della stoffa ad hoc…quella, la stoffa ad hoc, è dispensata dall’interprete-artista....a noi tocca solo il compito di non farci scappare la stoffa
Ecco cosa dovrebbe contenere una voce da baritono verdiano: un groviglio di corde là, pronte e misurate per ogni evenienza – occorrenza. Già, gli umani hanno questa peculiarità … sono portatori di grovigli di corde di vario spessore e lunghezza.
Avrei potuto scrivere di Barnaba/Jago… o di Falstaff/Germont…. o di Nabucco/Amonasro.. etc etc etc
Non lo faccio, tranquilli:D:D:D

Rispondendo infine al dilemma di Pbagnoli su chi siano oggi i baritoni verdiani..è una gran bella domanda, visto che su quel ruolo poggia o co-poggia una buona fetta del repertorio di Pepin. Lasciando perdere gli scaffali di discoteca-videoteca, due che mi hanno colpito già da un po’ di tempo, gironzolando sur tubbo :
Mariusz Kwiecien (polacco)

Dario Solari (sudamericano, ma non ricordo se argentino o uruguayano..)


Sulla question Cappuccilli ....io penso di lui ciò che penso di Ghena Dimitrova: credo fossero voci da ascoltare dal vivo e che su disco perdano quel "quid" speciale che deriva dall'esibizione dal vivo (l'emotività non tutti sanno liberarla davanti ad un microfono, in uno studio di registrazione, dove magari canti senza la compresenza degli altri colleghi-cantanti..dove il gesto scenico non t'aiuta...e dove immagino "frazioni" il canto in singole tracce-cd...un, due, tre pronti si gira ah no..pronti si incide..).
Avendolo io ascoltato o visto solo mediaticamente, penso di non avere il giusto metro ...e la stessa sensazione ce l'ho appunto con la Dimitrova.
A me Cappuccilli su cd/dvd impressiona in Barnaba (Attila), in Macbeth e in SimonBoccanegra, verdianamente parlando.
TaO
 
Messaggi: 60
Iscritto il: lun 19 mar 2012, 17:06
Località: Siciliana

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda Rodrigo » sab 14 lug 2012, 13:59

Su youtube ho trovato degli ascolti verdiani di Hermann Prey. Mi hanno felicemente sopreso, alcune scelte di fraseggio ricordano (in un ottica un filo più "composta") F. Dieskau . Quello che maggiormente mi ha colpito è la naturalezza con cui il colore chiaro del baritono tedesco si sposa con il fraseggio verdiano. Veramente un Carlo di Vargas chiaro e giovanile è aria fresca rispetto a certi interpreti cui siamo abituati. MOlto bella anche l'interpretazione di Posa. Ma io ho pensato a come avrebbero potutto suonare certi passi di Otello (il baccanale o il sogno di Iago) in bocca a Prey. Sarebbero state aggiacchianti nella loro simulata nonchalanche.
Che ne pensate?

http://www.youtube.com/watch?v=I9WYzdZbxFk

http://www.youtube.com/watch?v=y1SBC49MrWo
Rodrigo
 
Messaggi: 280
Iscritto il: gio 18 set 2008, 21:13

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda VGobbi » sab 14 lug 2012, 21:21

Ottimi ascolti, sopra tutto la morte di Posa. Non ho mai gradito il timbro, la vocalita' e l'interpretazione di Prey ... eppero' in questo frangente l'ho gradito moltissimo.
Nemmeno noi siamo d'accordo con il gobbo, ma il gobbo è essenziale! Guai se non ci fosse!
Avatar utente
VGobbi
 
Messaggi: 2455
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 20:49
Località: Verano Brianza

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda siddharta22 » mar 09 ott 2012, 10:19

Tra i baritoni che ho ascoltato ultimamente mi ha molto impressionato Giuseppe Altomare.
Pare stia diventando molto quotato nel repertorio verdiano.
Cosa ne pensate?
siddharta22
 
Messaggi: 1
Iscritto il: mar 09 ott 2012, 10:13

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda MatMarazzi » mer 10 ott 2012, 18:03

siddharta22 ha scritto:Tra i baritoni che ho ascoltato ultimamente mi ha molto impressionato Giuseppe Altomare.
Pare stia diventando molto quotato nel repertorio verdiano.
Cosa ne pensate?


Ciao Siddharta e benvenuto su Operadisc!

Venendo a Giuseppe Altomare, è vero che in questo brano dimostra piglio e determinazione; e nel cantabile alcuni tentativi di smorzare abbastanza pregevoli.
Ma come scuola tecnica pare decisamente appartenere a quella categoria che noi chiamiamo "declamatori".
Il suo canto pare concentrirsi nello sbalzo della sillaba e nell'assalto dell'acuto più che nella linea e nella dinamica (come farebbe un vocalista) o nella varietà dei colori (come un colorista).
Mi pare insomma il solito verdi "aggressivo" di moltissimi baritoni, la maggior parte dei cosiddetti "verdiani" da oltre un secolo a questa parte.
A molta gente i ruoli verdiani piacciono cantanti così.
A me, sinceramente, non tanto...
Preferisco altri cantanti per Verdi, ma - lo sottolineo - è solo un mio gusto.
Preferirei vederlo impegnato in altro repertorio, in ruoli in cui magari anche la sua recitazione (che in Rigoletto mi pare un po' vecchiotta) possa essere più valorizzata.

Salutoni,
Mat
Avatar utente
MatMarazzi
 
Messaggi: 3182
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 12:34
Località: Ferrara

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda Chuck » mer 14 nov 2012, 11:22

Devo ammettere che qui Tiliakos mi ha molto colpito, il contesto è a dir poco deprimente ma lui mi sembra molto bravo

Avatar utente
Chuck
 
Messaggi: 49
Iscritto il: mer 01 dic 2010, 16:08
Località: Pordenone

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda MatMarazzi » ven 30 nov 2012, 16:25

Chuck ha scritto:Devo ammettere che qui Tiliakos mi ha molto colpito, il contesto è a dir poco deprimente ma lui mi sembra molto bravo


Concordo pienamente,
è l'ultimo baritono "vocalista" (di certo l'unico) che stia facendo una carriera internazionale oggi in Verdi.
Per giunta ha classe scenica e bella presenza.
Peccato che, laddove non debba limitarsi a sfumare, la voce perde ogni tanto stabilità.
comunque un bellissimo finale di Boccanegra.

Grazie Chuck.
Matteo
Avatar utente
MatMarazzi
 
Messaggi: 3182
Iscritto il: gio 05 apr 2007, 12:34
Località: Ferrara

Re: Il baritono verdiano oggi

Messaggioda ClarenceBerger » dom 06 ott 2013, 11:55

TaO ha scritto:Insomma giovani, il baritono verdiano per me si muove là, in area epicentro-trame così come si muove sonoramente in area centrale, con assoluta padronanza-sicurezza. Il chè non vuol dire staticità eh, vuol dire fraseggio-legato-dinamica e tutto il bagaglio-tecnica…..ma la tecnica è la forbice del sarto, non è produttrice della stoffa ad hoc…quella, la stoffa ad hoc, è dispensata dall’interprete-artista....a noi tocca solo il compito di non farci scappare la stoffa
Ecco cosa dovrebbe contenere una voce da baritono verdiano: un groviglio di corde là, pronte e misurate per ogni evenienza – occorrenza. Già, gli umani hanno questa peculiarità … sono portatori di grovigli di corde di vario spessore e lunghezza.
Avrei potuto scrivere di Barnaba/Jago… o di Falstaff/Germont…. o di Nabucco/Amonasro.. etc etc etc
Non lo faccio, tranquilli:D:D:D

Rispondendo infine al dilemma di Pbagnoli su chi siano oggi i baritoni verdiani..è una gran bella domanda, visto che su quel ruolo poggia o co-poggia una buona fetta del repertorio di Pepin. Lasciando perdere gli scaffali di discoteca-videoteca, due che mi hanno colpito già da un po’ di tempo, gironzolando sur tubbo :
Mariusz Kwiecien (polacco)
[
Dario
pannelli solari


Maschio e femmina li creò sia la vocale. Maschio e femmina voce, ha creato un kanthe comune.grazie per il post, ma è troppo lungo. Rendere più semplice.
ClarenceBerger
 
Messaggi: 1
Iscritto il: sab 05 ott 2013, 19:11

Precedente

Torna a Interpreti d'opera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti

cron